L’ISTAT ha rivisto al ribasso la stima della crescita del PIL italiano nel 2018, dallo 0,9 per cento allo 0,8 per cento

L’ISTAT ha rivisto al ribasso la crescita del PIL italiano nel 2018, stimando una crescita dello 0,8 per cento rispetto al 2017, e non dello 0,9 per cento come stimato lo scorso aprile. In un rapporto pubblicato oggi l’ISTAT dice anche che il PIL del 2017 è rimasto invariato rispetto alle stime di aprile (+1,7 per cento) e che quello del 2016 è stato rivisto al rialzo, passando dall’1,1 per cento all’1,3 per cento. Nel rapporto l’ISTAT dice che «la revisione generale dei conti nazionali ha modificato in misura molto limitata le stime dei tassi di crescita dell’economia italiana per gli anni recenti» e aggiunge che «si conferma che nel 2018 vi è stato un significativo rallentamento della crescita».

Sulla base di questi nuovi dati, nel 2018 gli investimenti fissi lordi sono cresciuti in volume del 3,2 per cento, i consumi finali nazionali dello 0,7 per cento, le esportazioni di beni e servizi dell’1,8 per cento e le importazioni del 3 per cento. L’ISTAT scrive anche che «il reddito disponibile delle famiglie consumatrici ha segnato nel 2018 una crescita dell’1,8 per cento in valore nominale e dello 0,9 per cento in termini di potere d’acquisto».

(ANSA/ ALESSANDRO DI MARCO)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.