Manifestazione contro l'aborto a Bratislava (VLADIMIR SIMICEK / AFP)
  • Mondo
  • domenica 22 settembre 2019

La grande manifestazione contro l’aborto, in Slovacchia

Si è tenuta a Bratislava, per chiedere una legge che renda l'aborto sempre illegale

Manifestazione contro l'aborto a Bratislava (VLADIMIR SIMICEK / AFP)

Domenica decine di migliaia di persone hanno manifestato a Bratislava, la capitale della Slovacchia, per chiedere di rendere l’aborto sempre illegale. La legge attualmente in vigore nel paese è piuttosto permissiva se comparata con quella di paesi europei più restrittivi sul tema, come per esempio la Polonia e Malta, dove l’aborto è permesso praticamente solo in caso di violenza sessuale. In Slovacchia, paese a maggioranza cattolica, è possibile abortire fino a 12 settimane di gravidanza, mentre l’aborto per ragioni mediche è permesso fino a 24 settimane.

Il parlamento slovacco ha cominciato a discutere di cambiare la legge sull’aborto all’inizio di settembre. I partiti di destra e di estrema destra vorrebbero limitare l’aborto solo alle prime sei o otto settimane di gravidanza, o in alternativa vietarlo del tutto. È difficile dire quante possibilità abbia la proposta di diventare legge, visto che i partiti al governo – Smer, di sinistra ma conservatore su temi sociali, e il Partito nazionale slovacco, di centrodestra – non si sono ancora espressi sul tema.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.