• Italia
  • domenica 22 settembre 2019

Quattro agenti del carcere di San Gimignano (Siena) sono stati sospesi con l’accusa di torturare i detenuti

Quattro agenti penitenziari del carcere di San Gimignano (Siena) sono stati immediatamente sospesi dal Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria (Dap) con l’accusa di aver torturato alcuni detenuti. Repubblica scrive che è la prima volta che il reato di tortura viene contestato a pubblici ufficiali.

La decisione è arrivata dopo la conclusione di un’indagine della procura di Siena su 15 agenti del carcere, che verranno tutti sottoposti a «doverose valutazioni disciplinari», come si legge in una nota del Dap, e che hanno ricevuto un avviso di garanzia. L’indagine era iniziata dopo la segnalazione di alcuni detenuti; si parla di accuse di minacce, lesioni aggravate, falso ideologico commesso da un pubblico ufficiale e tortura.

Il carcere di San Gimignano (Street View)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.