• Italia
  • giovedì 19 settembre 2019

Il sindaco di Bibbiano ha denunciato gli autori di 147 post ed email offensive e minatorie, tra cui Luigi Di Maio

Il sindaco di Bibbiano, Andrea Carletti, sospeso dal suo incarico e attualmente agli arresti domiciliari per il suo coinvolgimento nell’inchiesta sulla gestione degli affidi di minorenni in provincia di Reggio Emilia, ha presentato una querela per 147 fra post sui social network ed email che sarebbero a suo dire offensive o minatorie nei suoi confronti. Tra le persone denunciate c’è anche il ministro degli Esteri Luigi Di Maio, che a metà luglio, prima della crisi del precedente governo, scrisse su Facebook:

Col Pd non voglio avere niente a che fare. Col partito che fa parte dello scandalo di Bibbiano, con i bambini tolti ai genitori e addirittura sottoposti a elettroshock e mandati a altre famiglie, con il sindaco Pd che è coinvolto in questo, non voglio avere niente a che fare.

Carletti è coinvolto in un filone secondario dell’inchiesta sugli affidi. È accusato di abuso d’ufficio e falso in atto pubblico: secondo i magistrati avrebbe affidato alcuni spazi comunali a un’associazione coinvolta nell’inchiesta in maniera non regolare. La tesi dell’elettroshock invece è sicuramente falsa.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.