• Italia
  • martedì 10 settembre 2019

Il pm ha richiesto gli arresti domiciliari per il sindaco di Bibbiano e altri 4 indagati

Sono stati richiesti gli arresti domiciliari per il sindaco di Bibbiano Andrea Carletti e altre quattro persone coinvolte nell’inchiesta sul presunto traffico di minori in provincia di Reggio Emilia. La Gazzetta di Reggio scrive che il pm Valentina Salvi ha presentato un ricorso contro la decisione del gip di respingere la richieste di arresti domiciliari per cinque indagati per abuso di ufficio nell’inchiesta sugli affidamenti dei minori. La richiesta riguarda un filone dell’inchiesta e un gruppo di persone con incarichi di difesa dei minori ai servizi sociali dell’Unione Val d’Enza, un consorzio di sette comuni che condividono la gestione di molti servizi.

Oltre a Carletti – che è stato sospeso dal suo incarico per ordine del prefetto – il ricorso riguarda la dirigente dei servizi sociali Federica Anghinolfi, l’avvocato reggiano Marco Scarpati, l’istruttore direttivo amministrativo del servizio sociale Barbara Canei e la responsabile dell’ufficio di Piani dell’Unione Nadia Campani: tutti accusati di abuso d’ufficio. In particolare, secondo l’accusa Carletti avrebbe affidato alcuni spazi comunali in maniera non regolare a un’associazione coinvolta nell’inchiesta. La decisione del Riesame di Bologna arriverà il 16 settembre.

(Il municipio di Bibbiano, via Il Resto del Carlino

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.