• Mondo
  • mercoledì 18 settembre 2019

I siti di e-commerce cinesi hanno interrotto le vendite di sigarette elettroniche Juul

A pochi giorni dal loro arrivo sul mercato cinese, i prodotti di Juul Labs, una delle più grandi aziende di sigarette elettroniche, non sono più disponibili all’acquisto sui siti di e-commerce. Un portavoce di Juul ha detto che l’azienda americana sta cercando di renderli nuovamente disponibili, senza spiegare perché i siti cinesi abbiano sospeso le vendite. Secondo Reuters, sul sito di e-commerce cinese Tmall è addirittura impossibile caricare la pagina ufficiale di Juul, sebbene sia ancora presente tra i rivenditori della piattaforma; su un altro sito, JD.com, che insieme ad Alibaba è il più grande sito di e-commerce cinese, la pagina di Juul è sparita.

La Cina è il più grande mercato per  consumatori di tabacco al mondo: più di 300 milioni di cinesi sono fumatori. Juul sta cercando di espandersi nei mercati internazionali a causa dei problemi che ha negli Stati Uniti: di recente la FDA, l’agenzia governativa che si occupa della sicurezza di cibi e farmaci, ha detto che Juul Labs ha violato regole federali nel promuovere i suoi prodotti.

Secondo una fonte anonima all’interno dell’azienda che ha parlato con Bloomberg, Juul non sa perché i suoi prodotti siano stati rimossi dai siti cinesi.

Prodotti di Juul a San Francisco, il 25 giugno 2019 (Justin Sullivan/Getty Images)
TAG: ,

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.