(Angelo Carconi/ANSA)
  • Italia
  • lunedì 16 settembre 2019

Lo sciopero di Roma TPL di oggi

Durerà 24 ore e riguarderà alcune linee periferiche di autobus, mentre i servizi gestiti da ATAC saranno regolari

(Angelo Carconi/ANSA)

Lunedì a Roma è previsto uno sciopero di alcune linee del trasporto pubblico, quelle del consorzio Roma TPL che gestisce decine di linee di autobus in periferia. Lo sciopero durerà 24 ore ma sono previste due fasce di garanzia, una fino alle 8.30 e un’altra dalle 17 alle 20. I servizi di ATAC, la principale azienda del trasporto pubblico attiva a Roma, saranno invece regolari. Le linee che potrebbero essere sospese o subire rallentamenti a causa dello sciopero sono queste:

08, 011, 013, 013D, 017, 018, 022, 023, 024, 025, 027, 028, 030, 031, 032, 033, 035, 036, 037, 039, 040, 041, 042, 048, 049, 051, 053, 054, 055, 056, 057, 059, 066, 074, 078, 081, 086, 088, 135, 146, 213, 218, 226, 235, 314, 339, 340, 343, 344, 349, 404, 437, 441, 444, 445, 447, 502, 503, 505, 541, 543, 546, 548, 552, 555, 557, 657, 660, 663, 665, 701, 702, 710, 711, 721, 763, 764, 767, 771, 777, 778, 787, 789, 808, 889, 892, 907, 908, 912, 982, 985, 992, 993, 998 e 999, C1 e C19.

Lo sciopero è stato indetto dall’Unione Sindacale di Base (USB) per protestare contro i ritardi nei pagamenti degli stipendi e i mancati versamenti nei fondi pensione dei dipendenti, spiega un comunicato del sindacato, e le continue pressioni necessarie anche per avere un solo giorno di permesso: “in assenza delle condizioni di sicurezza previste dal codice stradale, verificate dal conducente prima della partenza di qualsiasi vettura, il datore di lavoro di tutta risposta procede nei confronti dei lavoratori con contestazioni disciplinari”. Per controllare lo stato delle linee autobus interessate dallo sciopero, si consiglia di andare sul sito del comune muoversiaroma.it.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.