(Astrid Stawiarz/Getty Images)
  • Cultura
  • lunedì 16 settembre 2019

Chi era B.B. King

È stato uno dei più famosi musicisti e cantanti blues di sempre: oggi avrebbe compiuto 94 anni

(Astrid Stawiarz/Getty Images)

Google ha dedicato il doodle di oggi a B.B. King, uno dei più famosi musicisti e cantanti blues al mondo, che oggi avrebbe compiuto 94 anni.

B.B. King, il cui vero nome era Riley B. King, nacque il 16 settembre del 1925 a Itta Bena, nello stato del Mississippi e morì a Las Vegas il 14 maggio del 2015. Nel 1943 si trasferì a Indianola, Mississippi, e poi in autostop raggiunse Memphis, in Tennessee, dove imparò a suonare la chitarra (con uno stile unico e molto riconoscibile) con il cugino Bukka White e a suonare dal vivo alla radio di Memphis. Qui cominciò a usare il nome “Beale Street Blues Boy”, abbreviato infine in “B.B.”.

Nel 1949 cominciò a incidere: le prime registrazioni furono prodotte da Sam Phillips, che poi avrebbe fondato la Sun Records. Durante gli anni Cinquanta cominciò il suo successo con canzoni come Woke Up This Morning e nel 1962 firmò per la ABC-Paramount Records. Due anni dopo King registrò al Regal Theater di Chicago l’album Live at the Regal, che presto sarebbe diventato parte della storia della musica blues. Alla fine degli anni Sessanta venne scelto dai Rolling Stones e poi da Tina Turner per aprire i loro concerti negli Stati Uniti.

I suoi successi proseguirono per tutti gli anni Settanta con canzoni come To Know You Is to Love You e I Like to Live the Love. Registrò sempre meno ma continuò a partecipare a film e show televisivi (compresa una puntata dei Robinson in cui interpreta se stesso). Durante la sua vita girò e suonò sempre moltissimo, tenendo anche 300 concerti l’anno e rallentando soltanto dopo aver compiuto settant’anni.

Nel corso della sua lunga carriera pubblicò 70 dischi, tra cui 19 live e 10 raccolte, e suonò insieme a moltissimi artisti e gruppi: Eric Clapton, David Gilmour, Phil Collins, Etta James, James Brown, Jerry Lee Lewis, Ray Charles, U2, John Mayer, JGloria Estefan, Tracy Chapman, Sheryl Crow, Elton John, Mark Knopfler, Van Morrison, Aretha Franklin, tra gli altri. Ricevette anche molti riconoscimenti, tra cui 15 Grammy, l’ultimo dei quali nel 2009 per il miglior disco blues dell’anno; fu inserito nella Blues Foundation Hall of Fame nel 1984 e nella Rock and Roll Hall of Fame nel 1987.

B.B. King era noto anche per la sua inseparabile chitarra, una chitarra Gibson ES-355 nera a cui aveva dato il nome  “Lucille”, intorno a cui circola un racconto: a metà degli anni 1950, mentre si esibiva in Arkansas, due uomini che assistevano al concerto cominciarono a litigare e rovesciarono una stufa a cherosene, dando fuoco alla sala. B.B. King corse fuori, come tutti gli altri, poi si rese conto di aver lasciato sul palco la sua chitarra acustica: si precipitò di nuovo dentro l’edificio per recuperarla. Quando venne a sapere che la lite era iniziata per una donna di nome Lucille, decise di chiamare così la sua chitarra.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.