• Mondo
  • giovedì 12 settembre 2019

La Corte Suprema degli Stati Uniti ha approvato la norma introdotta dal governo Trump per limitare le richieste di asilo dei migranti

La Corte Suprema degli Stati Uniti ha autorizzato l’entrata in vigore della norma introdotta lo scorso luglio dall’amministrazione Trump con l’intento di limitare drasticamente la possibilità dei migranti di chiedere asilo negli Stati Uniti. La norma, che era stata sospesa dopo che un giudice federale statunitense aveva emesso un’ingiunzione preliminare per bloccarla, prevede che le persone che arrivano negli Stati Uniti attraversando il confine meridionale possano chiedere asilo soltanto se l’hanno già richiesto in un paese terzo che hanno attraversato e che gliel’ha negato.

Di fatto, quindi, la norma obbligherebbe chi vuole arrivare negli Stati Uniti a chiedere asilo in uno dei paesi attraversati durante il viaggio.

(AP Photo/Christian Chavez, File)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.