• Italia
  • martedì 10 Settembre 2019

È morto il neofascista Stefano Delle Chiaie, accusato e poi prosciolto per le stragi di Bologna e di piazza Fontana

È morto a Roma, a 82 anni, Stefano Delle Chiaie, politico di estrema destra e fondatore dell’organizzazione neofascista Avanguardia Nazionale. Delle Chiaie era nato a Caserta il 13 settembre del 1936 e fra tre giorni avrebbe compiuto 83 anni.

Aderì al MSI (Movimento Sociale Italiano) a 14 anni; a 20 anni ne uscì per seguire Pino Rauti in Centro Studi Ordine Nuovo e nel 1960 fondò Avanguardia Nazionale, poi sciolta nel 1976 per effetto della legge Scelba, che nel 1952 aveva introdotto il reato di apologia del fascismo. Nel 1982 venne accusato di aver preso parte alla strage di piazza Fontana e nel 1989 fu assolto «per non aver commesso il fatto»; la sentenza fu confermata in appello nel 1991, quando fu prosciolto anche dall’accusa di associazione eversiva. Venne indagato anche per aver partecipato alla strage alla stazione ferroviaria di Bologna nel 1980, e venne assolto per «insufficienza di prove». Delle Chiaie fu a lungo latitante: lasciò l’Italia nel 1970 dopo essere stato chiamato a testimoniare nel processo per la strage di piazza Fontana e visse in vari paesi del Sudamerica fino al 1976, quando fu arrestato a Caracas, in Venezuela.

Stefano Delle Chiaie (ANSA)