Decine di milioni di numeri di telefono di utenti Facebook erano conservati su un server non protetto

Decine di milioni di numeri di telefono di utenti Facebook erano conservati su un server non protetto, accessibile quindi da chiunque. La notizia è stata data dal sito di tecnologia TechCrunch, che ha trovato il server e verificato che i numeri di telefono che conteneva corrispondevano a quelli degli utenti di Facebook a cui erano assegnati. In tutto, secondo TechCrunch, sul server c’erano i dati di 419 milioni di persone, tra cui 133 milioni di utenti negli Stati Uniti, 18 milioni di utenti nel Regno Unito e 50 milioni di utenti in Vietnam. Facebook ha confermato la notizia, dicendo che il server è stato messo offline e ha spiegato che – secondo i loro conti – in totale conteneva i dati di circa 200 milioni di persone (perché alcuni dati erano duplicati). Facebook – che negli ultimi anni è stata al centro di grossi scandali legati a una gestione spesso imprudente della privacy degli utenti – ha avviato un’indagine per capire come mai il server fosse stato lasciato online senza protezione. A luglio, Facebook era stata multata di 5 miliardi di dollari dagli Stati Uniti per il caso Cambridge Analytica e la gestione della privacy.

(Dan Kitwood/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.