• Scienza
  • mercoledì 28 agosto 2019

La Nuova Zelanda ha vietato alle persone di nuotare con i delfini tursiopi nella Baia delle Isole

Il governo della Nuova Zelanda ha vietato alle persone di nuotare con i delfini tursiopi (Tursiops truncatus) dato che, secondo una ricerca dell’agenzia statale che si occupa della difesa dell’ambiente, le interazioni con le persone «hanno un grosso impatto sulle abitudini di riposo e alimentazione» dei delfini. Il divieto riguarda i turisti che nella Baia delle Isole, nel nord del paese, partecipano alle escursioni organizzate proprio per nuotare con i delfini; non sono invece state vietate altre escursioni simili, che coinvolgono delfini di altre specie, in altre parti della Nuova Zelanda.

Nella Baia delle Isole il numero dei delfini tursiopi è diminuito del 66 per cento dal 1990. Nella baia ora si vedono regolarmente solo 19 tursiopi e gli scienziati che li studiano hanno stimato che il 75 per cento dei loro cuccioli muore: il più alto tasso di mortalità mai registrato per questa specie. Oltre a vietare i bagni con i delfini, il governo si è messo d’accordo con i tour operator che organizzano le escursioni in barca per limitarle a una durata di 20 minuti ciascuna (in precedenza duravano 30 minuti) e organizzarle solo in due fasce orarie della giornata.

Delfini che nuotano vicino ad Auckland, in Nuova Zelanda, nel 2002 (Dean Purcell/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.