• Mondo
  • venerdì 23 agosto 2019

La Russia ha fatto salpare una centrale nucleare galleggiante

La Russia ha fatto salpare in mare una centrale nucleare galleggiante, il cui varo era stato annunciato due settimane fa. Nei prossimi giorni la centrale sarà rimorchiata per migliaia di chilometri nel porto artico di Pevek e utilizzerà i suoi due reattori per fornire calore ed energia elettrica alle case, oltre che per sostenere le operazioni russe di estrazione nella zona del Čukotka, ricca di risorse naturali. I gruppi ambientalisti hanno parlato della nave, chiamata Akademik Lomonosov, come di una “Chernobyl galleggiante”, sollevando molte domande sulla sua sicurezza e dubitando che possa essere economicamente sostenibile.

Il varo della nave è avvenuto poco più di due settimane dopo un grave incidente nucleare avvenuto nella regione di Arcangelo, che ha causato sette morti e diversi feriti.

(Claudia Thaler/picture-alliance/dpa/AP Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.