(ANSA/RICCARDO ANTIMIANI)
  • blog
  • giovedì 22 agosto 2019

Diventa anche tu un analista politico!

Un piccolo servizio a vantaggio di chi deve o vuole fingersi molto informato sulla crisi di governo

(ANSA/RICCARDO ANTIMIANI)

Sono giorni particolari per la politica e l’informazione italiana: quei giorni in cui l’importanza del momento fa sì che ovunque si parli di politica, ma anche quei giorni in cui le informazioni credibili in circolazione sono ben poche, visto che i giochi si fanno nello studio del presidente della Repubblica e attraverso colloqui tra un gruppo molto ristretto di persone. Però qualcosa bisognerà pur dire nei talk show e su Twitter, no? E se la cosa più importante è essere informati, la seconda cosa più importante è sembrare informati. Per venire incontro a queste comprensibili esigenze personali e professionali, abbiamo preparato una lista di messaggi che potete utilizzare a piacimento nelle prossime ore: sono generici al punto da non poter essere smentiti, e abbastanza sibillini da far pensare che sapete effettivamente qualcosa che gli altri non sanno. Fatene buon uso.

– “Qualcuno nei palazzi romani non ha capito di aver vinto la battaglia ma non la guerra”

– “Nelle prossime due ore si decide tutto. E non necessariamente al Quirinale”

– “Intanto a Roma è squillato il telefono di un insospettabile”

– “Le parole dette finora valgono zero, fanno capire fonti molto ben informate”

– “Sembra che stia per succedere qualcosa…”

– “Dentro il PD qualcuno aveva fatto male i conti. Comunque è tutto ancora aperto”

– “In questo momento qualcuno sta festeggiando”

– “Quello che sembrava un passo falso potrebbe rivelarsi una mossa geniale”

– “Attenzione, il M5S sta cercando di forzare la mano”

– “Come nei più classici corteggiamenti, c’è sempre qualcuno appeso al telefono e qualcun altro che si sottrae. Ma non immaginereste mai chi è chi”

– “È il momento in cui sono all’opera i pontieri. Ogni partito ha scelto i suoi uomini migliori per questo ruolo delicatissimo”

– “In una sede di partito che non immaginate i telefoni sono roventi”

– “Siamo andati vicini a un colpo di scena clamoroso, ma è già rientrato tutto”

– “Intanto nelle chat WhatsApp dei parlamentari circola un messaggio che sta generando qualche preoccupazione”

– “Il presidente Mattarella ha in mente qualcosa da settimane, ma non vuole ancora scoprire le carte”

– “Si sta materializzando uno scenario fino a ieri impensabile”

– “Attenti a pensare che il finale di questa storia sia già scritto”

– “Sembra che abbia segnato Dino Zoff su calcio d’angolo”

– “La signora con la borsa salta il fosso senza rincorsa”

 

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.