• Mondo
  • mercoledì 21 agosto 2019

Il cardinale australiano George Pell ha perso l’appello contro la sua condanna per abusi sessuali su minorenni

Il cardinale australiano George Pell, ex consigliere stretto di Papa Francesco, ha perso l’appello contro la sua condanna a sei anni di carcere per abusi sessuali su minorenni. Pell, che ha 78 anni, è il prelato di più alto grado ad essere mai stato condannato per abusi sessuali su minorenni: lo scorso dicembre un tribunale di Melbourne lo aveva dichiarato colpevole di aver violentato due chierichetti di 13 anni nel 1996 e di aver molestato uno dei due anche l’anno successivo. Pell, che ha sempre detto di essere innocente, forse farà nuovamente appello contro la condanna, presso la più alta corte australiana.

Secondo la difesa del cardinale, la sentenza con cui è stato condannato sarebbe stata «irragionevole» per via delle prove su cui è basata, cioè la testimonianza di uno degli ex chierichetti – l’altro è morto nel 2014: per Pell non sarebbe stata una prova oltre ogni ragionevole dubbio.

Fino allo scorso ottobre, Pell era consigliere stretto di Papa Francesco, cioè uno dei membri del circolo di importanti sacerdoti conosciuto come C-9. Il Guardian ha scritto che in passato Pell era stato, grazie al suo ruolo di consigliere economico, «il terzo uomo più potente del Vaticano».

Il cardinale George Pell al suo arrivo alla Corte Suprema dello stato di Victoria, a Melbourne, il 21 agosto 2019 (Darrian Traynor/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.