(ANSA/ETTORE FERRARI)

Il calendario delle consultazioni

Si parte oggi con i presidenti di Senato e Camera e con i gruppi più piccoli, si finirà domani alle 17 con la delegazione del Movimento 5 Stelle

(ANSA/ETTORE FERRARI)

Oggi alle 16 cominceranno le consultazioni, gli incontri del presidente della Repubblica con le più importanti cariche istituzionali, i capi di partito e i capigruppo in Parlamento, che serviranno per capire se è possibile formare una nuova maggioranza parlamentare dopo le dimissioni presentate ieri dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Le consultazioni cominceranno nel pomeriggio quando il presidente della Repubblica telefonerà all’ex presidente Giorgio Napolitano, al momento fuori Roma (per tradizione le consultazioni partono sempre dagli ex presidenti della Repubblica).

Gli incontri proseguiranno alle 16, quando Mattarella incontrerà la presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati e poi il presidente della Camera Roberto Fico. Il resto del pomeriggio e le prime ore della sera saranno utilizzate per incontrare i gruppi parlamentari più piccoli: Per le Autonomie, i gruppi misti di Senato e Camera e infine la delegazione di Liberi e Uguali (il partito non esiste più, ma il gruppo parlamentare è rimasto unito).

Giovedì le consultazioni termineranno con l’ascolto dei gruppi principali. Si comincerà con Fratelli d’Italia alle 10, per poi passare al PD alle 11 e a Forza Italia alle 12. Dopo una pausa il presidente riceverà alle 16 la delegazione della Lega e alle 17 quella del Movimento 5 Stelle. Al termine il presidente annuncerà i successivi passaggi: l’assegnazione di un incarico (“esplorativo” o “pieno”) per la formazione di un nuovo governo, la concessione di maggior tempo ai partiti per trattare o il fallimento delle consultazioni.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.