• Mondo
  • venerdì 16 agosto 2019

Israele permetterà alla deputata statunitense Rashida Tlaib di entrare nel paese

Israele permetterà alla deputata statunitense Rashida Tlaib di entrare nel paese per ragioni umanitarie. Tlaib è una delle due deputate Democratiche a cui ieri Israele aveva negato l’ingresso per via del loro appoggio al movimento Boicottaggio, disinvestimento e sanzioni (BDS), la campagna globale per boicottare Israele per via della sua occupazione dei territori palestinesi. Dopo la notizia di ieri – criticata da tantissimi politici statunitensi, compresi quelli solitamente molto vicini ad Israele –, Tlaib aveva scritto una lettera alle autorità israeliane chiedendo che le fosse consentito l’ingresso nel paese per poter visitare sua nonna di 90 anni, che vive in Cisgiordania. Nella sua lettera, Tlaib ha anche promesso di non esprimere opinioni sulla questione palestinese durante il suo viaggio, dicono i giornali israeliani.

Ilhan Omar (a destra) e Rashida Tlaib (Mark Wilson/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.