• giovedì 15 agosto 2019

Il governo di Israele negherà l’ingresso nel territorio israeliano a due deputate americane Democratiche

Il governo di Israele ha annunciato che negherà l’ingresso nel territorio israeliano a due deputate americane Democratiche, Ilhan Omar e Rashida Tlaib, che fra due giorni dovevano iniziare una visita ufficiale in Israele e Palestina.

La notizia era stata anticipata da alcuni giornali israeliani ed è stata confermata dalla viceministra degli Esteri israeliana, Tzipi Hotovely, che ha aggiunto che a Omar e Tlaib verrà negato l’ingresso per via del loro appoggio al movimento Boicottaggio, disinvestimento e sanzioni (BDS), la campagna globale per boicottare Israele per via della sua occupazione dei territori palestinesi.

Da tempo il governo israeliano di destra guidato da Benjamin Netanyahu nega sistematicamente l’ingresso nel paese ad attivisti e intellettuali che appoggiano il BDS – attirandosi moltissime critiche da parte delle organizzazioni che si occupano di diritti umani – ma è la prima volta che un divieto del genere viene applicato contro due parlamentari statunitensi. Sembra che il divieto sia stato emesso anche dietro pressione del presidente americano Donald Trump, che su Twitter poche ore fa aveva scritto che il governo israeliano sarebbe apparso «debole» se avesse consentito l’ingresso a Omar e Tlaib.

Omar e Tlaib fanno parte delle quattro deputate Democratiche a cui qualche tempo fa Trump rivolse insulti razzisti, invitandole a «tornare nel loro paese» soltanto sulla base della loro pelle, e nonostante tutte e quattro siano americane.

Omar e Tlaib hanno posizioni esplicitamente filo-palestinesi, molto più a sinistra della maggior parte dei loro colleghi del Partito Democratico, e in passato Omar ha usato un linguaggio piuttosto problematico per descrivere l’influenza dei lobbisti filo-israeliani nella politica americana. Ma entrambe sono state difese con fermezza dal loro partito dopo gli insulti di Trump, e probabilmente succederà la stessa cosa anche in questo caso.

Daniel Shapiro, l’ambasciatore statunitense in Israele durante l’amministrazione Obama, ha scritto su Twitter che non condivide le posizioni di Tlaib e Omar su Israele ma che la loro visita non avrebbe creato «nessun problema».

(Mark Wilson/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.