• Sport
  • giovedì 15 agosto 2019

Le giocatrici della nazionale di calcio americana non hanno trovato un accordo con la loro federazione sulla questione della discriminazione di genere

Mercoledì un tentativo di patteggiamento tra le giocatrici della nazionale di calcio statunitense e la Federazione calcistica statunitense a proposito della causa per discriminazione di genere presentata in precedenza dalle calciatrici è fallito dopo due giorni di discussioni. Se le parti non troveranno un accordo prossimamente, il caso potrebbe finire in tribunale l’anno prossimo.

Tre mesi prima dell’inizio dei Mondiali in Francia che poi hanno vinto, le calciatrici della nazionale americana avevano accusato i dirigenti federali di “discriminazione di genere istituzionalizzata” per il diverso trattamento ricevuto nel corso degli anni rispetto ai giocatori della nazionale maschile. Nello specifico le calciatrici della nazionale avevano denunciato la Federazione per compensi e premi esageratamente inferiori, scarsità di strutture e risorse per allenamenti e cure mediche, oltre a una minor promozione su base nazionale. Avevano inoltre invitato anche le ex calciatrici della nazionale a chiedere rimborsi per i loro mancati compensi del passato.

La vittoria ai Mondiali di quest’anno è la seconda consecutiva per la nazionale di calcio femminile e la quarta nella sua storia notevole; la nazionale maschile invece non ha mai vinto un Mondiale e non si è classificata a quelli del 2018.

(Katharine Lotze/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.