• Mondo
  • mercoledì 14 agosto 2019

Dopo due giorni di occupazione e scontri, l’aeroporto internazionale di Hong Kong ha ripreso le normali operazioni

Dopo due giorni di occupazione e scontri da parte dei manifestanti a favore della democrazia, l’aeroporto internazionale di Hong Kong ha ripreso le normali operazioni. Il Guardian scrive che al momento nello hub rimangono una trentina di manifestanti, contro i centinaia che lunedì avevano occupato l’edificio costringendo le autorità a cancellare centinaia di voli. Ieri, martedì 13 agosto, la polizia antisommossa era entrata all’aeroporto – che è uno dei più trafficati del mondo – e disperso i manifestanti con manganelli e spray al peperoncino.

L’Autorità aeroportuale ha fatto sapere di aver ottenuto un’ingiunzione provvisoria contro i manifestanti per impedire loro di tornare e interrompere le attività: questo significa che se dovesse accadere potrebbero essere immediatamente arresti o espulsi forzatamente.

Un momento delle proteste all'aeroporto di Hong Kong, 13 agosto 2019 (AP Photo/Kin Cheung)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.