• Mondo
  • lunedì 12 agosto 2019

In India più di 150 persone sono morte per le frane e le inondazioni causate dalle piogge monsoniche

Almeno 152 persone sono morte in India a causa delle frane e delle inondazioni provocate dalle piogge monsoniche; in particolare sono stati colpiti gli stati occidentali del Kerala (60 morti), del Karnataka (30), del Maharashtra (40) e del Gujarat (22), tutti affacciati sul mare Arabico. Ci sono 17 dispersi e più di 165mila persone hanno dovuto abbandonare le proprie case solo nel Kerala, dove l’aeroporto principale, a Kochi, è chiuso da venerdì.

Anche altri paesi del sud-est dell’Asia in queste settimane sono stati colpiti dalle piogge monsoniche, che andranno avanti fino a settembre. A luglio 227 persone sono morte tra India, Nepal, Pakistan e Bangladesh. In Cina 45 persone sono morte per il tifone Lekima negli ultimi giorni. Ogni anno centinaia di persone muoiono a causa dei monsoni. L’anno scorso nel Kerala fu il peggiore da circa un secolo: morirono circa 500 persone.

Una strada allagata ad Ahmadabad, nello stato del Gujarat, in India, il 10 agosto 2019 (AP Photo/Ajit Solanki)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.