• Italia
  • sabato 10 agosto 2019

La nave della ong spagnola Open Arms ha soccorso altri 39 migranti, ma continua a non avere un porto sicuro dove farli sbarcare

Nella notte tra venerdì e sabato la nave della ong spagnola Open Arms ha soccorso 39 migranti su richiesta delle autorità di Malta, che avevano a loro volta ricevuto la segnalazione di un barcone in difficoltà nella loro zona SAR da Alarm phone, call center informale gestito dalla ong Watchformed. I 39 migranti soccorsi si sono quindi aggiunti ai 121 che erano già a bordo.

La Open Arms si trova da giorni nel Mediterraneo senza che le sia indicato un “porto sicuro” dove attraccare. Malta, scrive Repubblica, ha accettato di far sbarcare sulle sue coste solo gli ultimi 39 migranti soccorsi, proposta che è stata però respinta da Open Arms: «Impossibile, la cosa ci ha creato grandi problemi a bordo. Trasferire solo gli ultimi arrivati sarebbe stato inaccettabile per tutti gli altri», ha detto Oscar Camps, fondatore della ong. Per il momento nessun paese si è offerto di accogliere i migranti.

L'arrivo di rifornimenti sulla Open Arms (ANSA/TWITTER/OPEN ARMS)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.