• Mondo
  • sabato 3 agosto 2019

Il rapper A$AP Rocky, da un mese detenuto in Svezia, è stato liberato

Era stato arrestato dopo una rissa avvenuta a Stoccolma, ed è sotto processo: il verdetto sarà il 14 agosto

Il rapper statunitense A$AP Rocky è stato liberato, ed è già tornato a Los Angeles, negli Stati Uniti: era detenuto da circa un mese in Svezia dopo una rissa avvenuta a Stoccolma lo scorso 30 giugno e per cui è sotto processo. Il verdetto è atteso per il prossimo 14 agosto.

A$AP Rocky, che ha 31 anni e si chiama in realtà Rakim Mayers, è uno dei più famosi e apprezzati rapper contemporanei. In suo favore, nelle scorse settimane, si erano espressi pubblicamente diversi cantanti americani e diverse celebrità, ed era è intervenuto personalmente il presidente degli Stati Uniti Donald Trump, dopo una richiesta personale del rapper Kanye West e della moglie Kim Kardashian. Ieri sera, infine, Trump ne ha annunciato il rilascio in un tweet:

Rocky è accusato di aver aggredito un ragazzo, ma i suoi legali sostengono che sia stata autodifesa, visto che il rapper era stato seguito e molestato. La detenzione lo ha costretto ad annullare parte del suo tour europeo, compresa la data prevista per lo scorso 17 luglio a Milano. Rocky, ha detto il suo avvocato, non dovrà tornare in Svezia per la sentenza.

(Jon Kopaloff /Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.