• Italia
  • giovedì 1 agosto 2019

I periti del gip di Genova hanno attribuito il crollo del Ponte Morandi a difetti strutturali e assenza di manutenzione

I tre periti incaricati dalla procura di Genova di esaminare le cause del crollo del Ponte Morandi, avvenuto il 14 agosto 2018, hanno consegnato il loro rapporto ai magistrati. Secondo quanto trapelato ai giornali, i periti hanno attribuito il crollo a «difetti esecutivi» del progetto originario e «mancanza di interventi di manutenzione significativi», ha scritto ANSA. Per quanto riguarda in particolare il reperto 132, cioè quello che il Secolo XIX chiama «il punto di connessione fra lo strallo e l’antenna della pila 9, che secondo gli esperti avrebbe ceduto per primo», il rapporto avrebbe individuato «uno stato corrosivo di tipo generalizzato di lungo periodo». Al momento l’inchiesta ha 71 indagati a vario titolo, assieme alle due società che gestivano il tratto stradale e la sua manutenzione, Autostrade e Spea Engineering.

 

(ANSA/LUCA ZENNARO)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.