Il cubetto di ghiaccio perfetto esiste, se sai come farlo

Un metodo per rendere i cubetti più limpidi e una selezione di buone vaschette, per varie esigenze

Il ghiaccio è il protagonista di uno dei più noti incipit di romanzi nella storia della letteratura, di una delle più famose scene erotiche del cinema anni Ottanta e di alcuni post su Instagram che possono creare dipendenza. Poche cose in natura sono affascinanti come il ghiaccio, specialmente quando è trasparente, limpido e quasi invisibile. Vi chiederete, allora, perché invece il ghiaccio fatto in casa sia così brutto, con quell’aspetto torbido e opaco, molto lontano da quello dei fotogenicissimi cubetti dei cocktail che servono nei ristoranti o nei bar un po’ ricercati.

C’è un motivo se il vostro cubetto di ghiaccio è imperfetto. Quando si versa l’acqua nelle vaschette e le si mette nel freezer, il congelamento parte dall’esterno e spinge l’aria e le impurità verso l’interno del cubetto che quindi diventa immediatamente “sporco” e nebuloso. Camper English, un giornalista statunitense esperto di cocktail e bartending (il mestiere del barista), ha messo a punto una tecnica per invertire la direzione del congelamento. Si chiama appunto metodo del congelamento direzionale, in inglese “directional freezing method“. In breve, per ottenere un congelamento direzionale dall’alto verso il basso (con le impurità concentrate sul fondo e che quindi influiscono meno sull’aspetto generale del cubetto) bisogna isolare il vassoio e fare quindi in modo che il freddo arrivi solo dall’alto.

Volendo potete provare a farlo in casa, ma non è semplicissimo e anche la riuscita non è assicurata. Si riempie una vaschetta per cubetti, si appoggia sul fondo di una borsa frigo (deve essere abbastanza piccola da stare nel congelatore, oppure il congelatore deve essere abbastanza grande da contenerne una di medie dimensioni) e si versa poi dell’acqua attorno alla vaschetta come isolante: la ragione è che la base della borsa, più l’acqua che circonda la vaschetta che ci mette un po’ a raffreddarsi, fanno da isolanti e quindi tengono il fondo dei cubetti più caldo rispetto alla temperatura dell’aria che arriva dall’alto. In questo modo il congelamento comincerà dall’alto, solidificando poco a poco il cubetto fino al fondo che sarà più opaco, lasciando limpido il resto.

Ice Maker a congelamento direzionale
Per non dover compiere questa operazione ogni volta che volete ottenere dei cubetti di ghiaccio trasparenti (soprattutto se non avete una borsa frigo che entra nel congelatore e non volete fare ordini a un’azienda produttrice di ghiaccio “di lusso”), ci sono prodotti fatti apposta. Su Amazon si può acquistare per esempio questo Ice Ball Maker da 27 euro, che applica il metodo del congelamento direzionale per creare sfere di ghiaccio limpide. Le sfere di ghiaccio, inoltre, si sciolgono più lentamente dei cubetti, perché la loro superficie è meno estesa rispetto a quella di un cubo dello stesso volume e le rende meno vulnerabili al calore esterno.

Ora Consumismi ha una sua newsletter, gratis

Un’altra cosa che potete fare per migliorare la qualità del vostro ghiaccio è usare acqua che abbia un sapore migliore: per esempio quella passata per una caraffa filtrante, che però non ha la capacità di togliere le impurità che rendono i cubetti meno belli.

Per chi comunque non trova i cubetti tradizionali così brutti e si accontenta, ma cerca lo stesso vaschette per fare il ghiaccio funzionali e resistenti, o che producano ghiaccio di forme interessanti, ne abbiamo selezionate alcune, che rispondono a diverse esigenze. Il ghiaccio non sarà limpidissimo, ma per le occasioni importanti potete sempre usare il metodo artigianale della borsa frigo.

Stampi in silicone
The Strategist, il sito di recensioni di oggetti del New York Magazine, consiglia questi vassoi in silicone soprattutto agli appassionati di cocktail che vogliono “sorprendere i loro ospiti”, come dicono quelli, e spendere un po’ meno, come dice la redazione del Post. Ce n’è uno per fare i cubi e uno per fare le sfere. In entrambi i casi i solidi di ghiaccio che si ottengono sono più voluminosi dei normali cubetti: sono cubi belli grossi, quindi si sciolgono più lentamente e possono contenere anche piccoli frutti o foglie di menta, per esempio (anche le sfere sono piuttosto grandi: hanno un diametro di 4,5 centimetri). Sono di silicone quindi si possono piegare per far uscire i pezzi di ghiaccio e si lavano facilmente. Su Amazon costano 15 euro. Se vi piacciono le sfere e ne volete di più grandi, esistono anche vari altri stampi con cui farne con un diametro di 6,5 centimetri.

Stampo per ghiaccio con coperchio
Questo vassoio è il migliore per fare il ghiaccio secondo Wirecutter, l’autorevole sito di recensioni di oggetti del New York Times. Ciò che lo distingue dalla maggior parte degli stampi per ghiaccio è che ha un coperchio: potete quindi riempire con l’acqua le tasche a forma di mezzaluna, chiudere il vassoio con il suo coperchio azzurro e inserirlo nel congelatore senza preoccuparvi che sia perfettamente orizzontale, perché tanto l’acqua non può uscire. Il coperchio è anche molto efficace a isolare il ghiaccio dagli odori del freezer. Secondo i test di Wirecutter è un prodotto che dura a lungo senza deteriorarsi, a differenza di altri. Le recensioni italiane su Amazon sono solo due, ma negli Stati Uniti sono più di 840 e la maggior parte sono da cinque stelle. Costa 7 euro.

Stampi per famiglie
Se sapete già che il ghiaccio in casa vostra va a ruba e non volete rischiare di restare senza, questi due vassoi, sempre consigliati da Wirecutter, contengono ciascuno 21 cubetti (anche se non sono cubetti, ma una specie di minighiaccioli), sono di dimensioni piuttosto grandi e hanno il coperchio, che permette di impilarli nel congelatore. Sono pensati per congelare omogeneizzati e creme per i bambini molto piccoli, ma possono anche essere una buona opzione per congelare l’acqua. Costano 24 euro, un po’ più degli altri prodotti, che però contengono meno ghiaccio.

Formine per ghiaccioli
Se vi piace sperimentare nella preparazione, ma soprattutto nella presentazione dei cocktail, ci sono stampi per ottenere forme meno tradizionali. Per ottenere un risultato perfetto, bisogna riempire gli stampi dai buchi che ci sono in alto, in modo che l’acqua riempia tutto il volume della forma che si vuole ottenere. Su Amazon questo stampo nero in silicone fa “cubetti” di ghiaccio a forma di teschi e costa 17 euro.

Se vi piace il genere, ci sono stampi per fare ghiaccio anche a forma di diamanti (questi due stampi costano 14 euro su Amazon).

 

Quelli che abbiamo elencato finora hanno tutti un coperchio, indispensabile per creare ghiaccioli con forme tridimensionali. Si trovano però anche moltissimi stampi senza coperchio con forme altrettanto strane e divertenti: il risultato saranno cubetti tridimensionali ma con una base “liscia”. Oltre a uno stampino con i pinguini (11 euro), c’è questo che fa ghiaccioli a forma di bassotti (9 euro) e questi a tema dinosauri (14 euro), ma ci sono anche a forma di fiori o foglie.

  

 

Infine, per tenere fresca l’acqua nel bicchiere che tenete sul comodino, nel caso aveste sete di notte, consigliamo di mettere un ghiacciolo fatto con questo (inutile dire che se lo mettete a sorpresa nel bicchiere di qualcun altro, il proprietario del bicchiere potrebbe non prenderla benissimo).

***
Disclaimer: su alcuni dei siti linkati nella sezione Consumismi, il Post ha un’affiliazione e ottiene una piccola quota dei ricavi, senza variazioni dei prezzi – che potrebbero variare di giorno in giorno rispetto a quelli indicati, in base alle offerte. Ma potete anche cercarli su Google.