• cit
  • giovedì 17 aprile 2014

Il bellissimo incipit di “Cent’anni di solitudine”

«Molti anni dopo, di fronte al plotone di esecuzione, il colonnello Aureliano Buendía si sarebbe ricordato di quel remoto pomeriggio in cui suo padre lo aveva condotto a conoscere il ghiaccio. Macondo era allora un villaggio di venti case di argilla e di canna selvatica costruito sulla riva di un fiume dalle acque diafane che rovinavano per un letto di pietre levigate, bianche ed enormi come uova preistoriche. Il mondo era così recente, che molte cose erano prive di nome, e per citarle bisognava indicarle col dito».

L’incipit di Cent’anni di solitudine (1967), del romanziere colombiano Gabriel Garcia Màrquez: è considerato tra i più belli e memorabili della letteratura del Novecento. Garcia Màrquez è morto oggi, 17 aprile, a 87 anni.

Foto: Gabriel Garcia Márquez con la prima copia dell’edizione commemorativa del suo romanzo Cent’anni di solitudine, ricevuta dal direttore generale dell’Accademia reale spagnola Victor Garcia de la Concha, a Cartagena, in Colombia, 26 marzo 2007. (RODRIGO ARANGUA/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.