• Mondo
  • martedì 23 luglio 2019

È morto a 90 anni Li Peng, ex primo ministro cinese noto per il suo ruolo nella strage di piazza Tienanmen del 1989

Li Peng, primo ministro cinese dal 1988 al 1998, è morto lunedì a Pechino, a 90 anni. Li era conosciuto dagli attivisti della capitale cinese come il «macellaio di Pechino», a causa del ruolo che ebbe durante la violenta repressione contro i manifestanti delle proteste di piazza Tienanmen nel giugno 1989, durante la quale furono uccise centinaia di persone (non si seppe mai il numero preciso di morti). Li, insieme all’ex segretario del Partito comunista cinese Deng Xiaoping, è considerato il principale responsabile delle violenze compiute dalle forze di sicurezza sui manifestanti.

Li Peng in una foto del 1999 (AP Photo/B.K. Bangash)