• Mondo
  • martedì 23 luglio 2019

È morto a 90 anni Li Peng, ex primo ministro cinese noto per il suo ruolo nella strage di piazza Tienanmen del 1989

Li Peng, primo ministro cinese dal 1988 al 1998, è morto lunedì a Pechino, a 90 anni. Li era conosciuto dagli attivisti della capitale cinese come il «macellaio di Pechino», a causa del ruolo che ebbe durante la violenta repressione contro i manifestanti delle proteste di piazza Tienanmen nel giugno 1989, durante la quale furono uccise centinaia di persone (non si seppe mai il numero preciso di morti). Li, insieme all’ex segretario del Partito comunista cinese Deng Xiaoping, è considerato il principale responsabile delle violenze compiute dalle forze di sicurezza sui manifestanti.

Li Peng in una foto del 1999 (AP Photo/B.K. Bangash)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.