La stazione spaziale cinese Tiangong-2 non esiste più

La Cina ha rimosso dall’orbita terrestre la sua stazione spaziale sperimentale Tiangong-2, con una manovra che l’ha fatta distruggere nel suo rientro nell’atmosfera, in modo da ridurre al minimo la quantità di rottami in caduta sull’oceano Pacifico meridionale. L’operazione è stata svolta venerdì 19 luglio, a circa tre anni di distanza dal lancio in orbita della stazione spaziale, sulla quale avevano vissuto per circa un mese due astronauti cinesi (taikonauti). Nell’aprile del 2017, una seconda missione senza equipaggio aveva raggiunto la stazione per alcuni ulteriori test dimostrativi. Da allora, la Tiangong-2 era rimasta in orbita senza ricevere particolari attenzioni. Insieme alla precedente stazione, la Tiangong-1, la Tiangong-2 ha permesso di migliorare le conoscenze del programma spaziale cinese, in vista del futuro lancio di una nuova stazione orbitale, il cui primo modulo dovrebbe raggiungere lo Spazio il prossimo anno.

La Tiangong-2 in un'elaborazione grafica (Agenzia spaziale cinese)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.