• Mondo
  • lunedì 15 luglio 2019

C’è stato per la prima volta un caso di ebola a Goma, grande città del Congo

È stato segnalato il primo caso di ebola a Goma, in Congo, che con circa un milione di abitanti è la città più grande a essere coinvolta dall’epidemia da quando è iniziata un anno fa. Il ministro della Salute del Congo ha detto che il paziente affetto da ebola è un pastore arrivato a Goma domenica da Butembo, uno dei principali focolai della malattia nel paese. L’uomo aveva iniziato a sentirsi male giovedì scorso ma aveva comunque viaggiato in autobus verso Goma, dove gli è stata diagnosticata l’infezione. Il ministro ha specificato in una nota che il rischio che altre persone vengano infettate è basso, e ha detto che tutti i passeggeri dell’autobus e l’autista saranno vaccinati lunedì: «A causa della velocità con cui il paziente è stato identificato e isolato, e grazie all’identificazione di tutti i passeggeri dell’autobus da Butembo, il rischio che la malattia si diffonda nel resto della città di Goma resta basso». L’epidemia di ebola è iniziata in Congo nell’agosto del 2018, e da allora ha ucciso circa 1.600 persone.

Operatori sanitari decontaminano una casa dove è stato registrato un caso di ebola, a Mabalako, in Congo (AP Photo/Al-hadji Kudra Maliro)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.