• Mondo
  • sabato 13 luglio 2019

Vitaly Markiv, il soldato ucraino accusato dell’omicidio del fotografo italiano Andrea Rocchelli, è stato condannato a 24 anni di carcere

Vitaly Markiv, il soldato ucraino con cittadinanza italiana accusato per la morte del fotografo italiano Andrea Rocchelli, è stato condannato a 24 anni di carcere dalla Corte d’Assise di Pavia per omicidio. Rocchelli, originario di Piacenza, era stato ucciso il 24 maggio del 2014 in Ucraina, mentre si trovava nell’area di Sloviansk, nella regione di Donetsk, per seguire gli scontri tra le milizie filo-russe e l’esercito ucraino. Secondo la procura, Markiv era a capo di un gruppo di soldati dell’esercito ucraino che da una collina aveva sparato contro Rocchelli e contro le due persone che si trovavano con lui, l’interprete e attivista russo Andrey Mironov, anche lui ucciso, e il fotografo francese William Roguelon, che era stato ferito.

Markiv, nato in Ucraina ma vissuto diversi anni in Italia con la madre, ha la doppia cittadinanza italiana e ucraina. Era stato arrestato nel 2017 quando era tornato in Italia per fare visita a sua madre, nelle Marche. Da allora era in carcere a Pavia, dove è stato processato. Il governo ucraino ha sempre detto di credere nella sua innocenza.

Una foto di Vitaly Markiv durante una manifestazione a suo favore davanti all'ambasciata italiana a Kiev, in Ucraina (Serg Glovny/ZUMA Wire/via ANSA)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.