• Moda
  • venerdì 12 luglio 2019

La prima asta di sole sneaker, da Sotheby’s

Potete comprarvi un rarissimo modello di Moon Shoe del 1972, se avete 140 mila euro, ma si trova qualcosa di raro anche a meno

La casa d’aste Sotheby’s di New York ha organizzato la prima vendita all’asta di sempre di sneaker, in collaborazione con il rivenditore Stadium Goods. La collezione comprende «alcune delle più rare e desiderate sneaker mai prodotte» – si legge sul sito di Sotheby’s – a partire da un paio di Nike fatte a mano del modello “Moon Shoe” del 1972, disegnate dal co-fondatore dell’azienda Bill Bowerman. Venne creata per le qualificazioni delle Olimpiadi nel 1972 e questo è uno delle 12 paia realizzate e l’unico mai indossato. Il loro valore è stimato tra i 110mila e 160mila dollari (da 98mila a 142mila euro).

Ci sono poi due paia di Nike Mag, del 2011 e del 2016, ispirate a quelle autoallaccianti indossate da Marty McFly in Ritorno al futuro e in Ritorno al futuro – Parte II; entrambe uscirono in edizione limitata e i ricavati della vendite andarono alla fondazione per la ricerca sul morbo di Parkinson di Michael J. Fox. Valgono tra i 13mila e i 18 mila dollari (12mila e 16mila euro). C’è un paio di Air Jordan 1 del 1994, uno di Adidas NMDs realizzato dal rapper Pharrell per Chanel e uno di Nike Air Jordan 4 disegnata dal rapper Travis Scott, che potrebbe vendere fino a 60mila dollari (53mila euro). Qui trovate tutte le sneaker all’asta; le puntate si potranno fare, sul posto o online, fino al 23 luglio.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.