(ANSA / IGOR PETYX)
  • Italia
  • venerdì 12 luglio 2019

L’uomo eritreo accusato per errore di essere un trafficante sarà rilasciato

Da tre anni si trovava in carcere in Italia per uno scambio di persona, riconosciuto oggi dalla Corte d'Assise di Palermo

(ANSA / IGOR PETYX)

Medhanie Tesfamariam Berhe, l’eritreo che da tre anni è detenuto in un carcere italiano per uno scambio di persona, sarà rilasciato. L’ha deciso oggi la Corte d’Assise di Palermo, chiudendo un caso di cui negli anni scorsi si sono occupati i principali giornali internazionali (e il Post, a più riprese) ma che in Italia è passato quasi inosservato.

Formalmente Berhe è stato condannato a cinque anni per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina perché ha avuto contatti con un trafficante di esseri umani: ma la Corte ha certificato che per anni è stato scambiato per errore con Medhanie Yehdego Mered, un uomo eritreo di 36 anni accusato di essere uno dei capi di una grande organizzazione con base in Libia che gestisce il traffico di migranti verso l’Europa. Berhe sarà rilasciato perché ha già trascorso in carcere il periodo massimo di detenzione previsto per il reato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, tre anni.

«Non ho parole per esprimere come mi sento», ha detto la sorella di Berhe al giornalista del Guardian Lorenzo Tondo, che ha seguito la vicenda sin dall’inizio. «Dopo tre anni il giudice ha confermato quello che abbiamo sempre sostenuto: abbiamo arrestato un contadino mentre un trafficante di uomini è ancora libero», ha detto l’avvocato di Berhe, Michele Calantropo.

La vicenda era iniziata il 24 maggio del 2016 in Sudan, quando venne arrestato un uomo poi estradato in Italia il 7 giugno e rinviato a giudizio. L’uomo era stato identificato come Medhanie Yehdego Mered, considerato uno dei capi di una grande organizzazione di trafficanti di esseri umani, e coinvolto nei viaggi di almeno 13 mila persone. Nel giugno del 2016 il ministero dell’Interno italiano e la National Crime Agency del Regno Unito avevano annunciato con una certa enfasi l’arresto in Sudan e la successiva estradizione in Italia di Mered.

I magistrati avevano intercettato per mesi il cellulare di Medhanie Yehdego Mered raccogliendo informazioni sul suo conto e sulle sue attività. Dopo l’arresto i giornali britannici avevano però cominciato ad avere dei dubbi, scrivendo che la persona arrestata e ora sotto processo era in realtà Medhanie Tesfamariam Berhe: che non era mai stato in Libia, che non aveva niente a che fare con la presunta rete per il traffico di migranti e che si era dichiarato innocente. Con il trafficante condivideva semplicemente un nome molto comune.

Nel tempo Calantropo ha portato diverse prove e testimonianze a sostegno della tesi dello scambio di persona, compreso il documento di identità di Berhe autenticato dall’ambasciata eritrea in Italia. E poi c’erano una serie di prove raccolte dalle inchieste giornalistiche: riscontri via Facebook sugli spostamenti dell’uomo che si trovava in prigione e che non coincidevano con quelli del trafficante, la testimonianza della moglie di Mered che vive in Svezia, il passaporto falso con cui il vero trafficante si sarebbe spostato negli ultimi anni (e che al momento dell’arresto di Berhe si trovava secondo le ricostruzioni in un carcere degli Emirati Arabi Uniti). Nel 2018 la tv pubblica svedese aveva persino scoperto che il vero Mered abitava in Uganda e si faceva spesso vedere in pubblico.

Nonostante la mole di prove, la procura di Palermo non si è mai convinta della tesi dello scambio di persona. «Che l’imputato sia un trafficante di esseri umani viene stabilito dalla sentenza della Corte d’assise che per questo lo ha condannato a 5 anni attraverso le prove raccolte successivamente all’arresto. Per il resto, attendiamo il deposito delle motivazioni», ha fatto sapere ad AGI il pm della procura di Palermo Francesco Lo Voi.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.