Il Senato ha approvato in seconda lettura la proposta di legge per ridurre il numero di deputati e senatori

Il Senato ha approvato un disegno di legge costituzionale per ridurre il numero di senatori e deputati, con 180 voti favorevoli e 50 contrari (per l’approvazione bastavano 161 voti, cioè la maggioranza assoluta). Hanno votato a favore M5S, Lega e Fratelli d’Italia, mentre ha votato contro il centrosinistra. Forza Italia non ha partecipato al voto, che al Senato equivale a votare contro.

Con la nuova proposta di legge il numero dei deputati dovrebbe passare da 630 a 400 e quello dei senatori da 315 a 200. In precedenza la proposta di legge era stata approvata già in prima lettura da Senato e Camera, e ora dovrà essere approvata di nuovo dalla Camera in seconda lettura. La seconda approvazione non prevede emendamenti: si può solo approvare o bocciare il testo senza possibilità di modifiche. Il prossimo voto, come prevede l’articolo 138 della Costituzione per le leggi di revisione costituzionale, si dovrebbe tenere tra tre mesi, a settembre: nel caso di un’ulteriore approvazione parlamentare con maggioranza dei due terzi – circostanza oggi piuttosto improbabile – la legge verrebbe promulgata; altrimenti, con un’approvazione a maggioranza semplice, la legge verrebbe promulgata dopo tre mesi, durante i quali sarebbe possibile chiedere un referendum popolare.

(ANSA/CLAUDIO PERI)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.