La società produttrice di Hello Kitty è stata multata per 6,2 milioni di euro dall’Unione Europea per aver violato le regole sulla concorrenza

La Commissione Europea ha multato per 6,2 milioni di euro la società giapponese Sanrio, famosa per aver creato il personaggio di Hello Kitty, per aver violato le regole comunitarie sulla concorrenza. Secondo l’Unione Europea per più di 11 anni Sanrio avrebbe impedito ai commercianti di vendere i suoi prodotti, concessi in licenza, in altri paesi all’interno dello Spazio Economico Europeo (SEE). In particolare questa pratica avrebbe riguardato prodotti che rappresentavano il personaggio di Hello Kitty e altri personaggi creati da Sanrio come My Melody, Little Twin Stars, Keroppi o Chococat.

La multa è arrivata dopo due anni di indagini che hanno rilevato come Sanrio avrebbe inserito nei contratti di licenza clausole che vietavano esplicitamente ai commercianti di vendere i prodotti in altri paesi dell’Unione Europea, e che li obbligavano a riferire a Sanrio gli ordini per le vendite fuori territorio stabilito. Inoltre Sanrio avrebbe anche imposto delle limitazioni alla lingua utilizzata nei prodotti e avrebbe incoraggiato in modo indiretto il rispetto delle restrizioni territoriali, attraverso valutazioni dell’operato dei licenziatati e il mancato rinnovo dei contratti qualora questi non avessero rispettato le restrizioni.

«La decisione odierna conferma che ai commercianti che vendono prodotti con licenza non può essere impedito di vendere prodotti in un altro paese,  cosa che comporta una minore scelta e prezzi potenzialmente più elevati per i consumatori, ed è contraria alle norme antitrust dell’Unione Europea. I consumatori sia che comprino una tazza di Hello Kitty o un giocattolo di Chococat, ora possono trarre il massimo beneficio da uno dei principali vantaggi del mercato unico: la possibilità di fare acquisti in tutta Europa cercando le migliori offerte disponibili», ha detto Margrethe Vestager, Commissario europeo per la concorrenza.

(Imaginechina via AP Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.