Si è dimesso Enrico Stefano, vicepresidente vicario del consiglio comunale di Roma

Enrico Stefano, vicepresidente vicario dell’Assemblea Capitolina, il consiglio comunale di Roma, si è dimesso dal suo incarico. Lo ha annunciato lui stesso, pubblicando su Facebook la lettera di dimissioni che aveva mandato questa mattina alla sindaca di Roma Virginia Raggi: non ha chiarito le motivazioni delle dimissioni, dicendo che lo farà «a mente fredda», ma i giornali parlano di crescenti difficoltà a svolgere il suo incarico. Da quando a marzo era stato arrestato il presidente del consiglio comunale Marcello De Vito, accusato di corruzione, Stefano, del M5S, era diventato di fatto il presidente dell’Assemblea Capitolina, ma con un grosso “ma”. De Vito, infatti, non si è mai dimesso dal suo incarico di presidente e l’Assemblea non lo ha sfiduciato: Stefano aveva quindi gli incarichi del presidente senza averne di fatto i pieni poteri. Tra le altre cose, scrivono i giornali, non poteva nominare un suo staff.

Oggi ho rassegnato le dimissioni dal ruolo di Vice Presidente Vicario dell'Assemblea Capitolina.A mente fredda…

Gepostet von Enrico Stefàno am Donnerstag, 4. Juli 2019

(ANSA/ MASSIMO PERCOSSI)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.