Un giornalista dorme durante i negoziati notturni dei leader dell'Unione Europea a Bruxelles, Belgio, 1 luglio 2019 (© Thierry Roge/Belga via ZUMA Press)
  • Mondo
  • martedì 2 luglio 2019

Se vuoi fare il giornalista devi saper dormire dappertutto

Lo mostrano le foto scattate durante i lunghiiiiiiissimi negoziati notturni dei leader europei a Bruxelles

Un giornalista dorme durante i negoziati notturni dei leader dell'Unione Europea a Bruxelles, Belgio, 1 luglio 2019 (© Thierry Roge/Belga via ZUMA Press)

Nella notte tra domenica e lunedì nella sede del Consiglio Europeo di Bruxelles c’è stato un pullulare di discussioni e incontri a porte chiuse tra i capi di stato e di governo dei paesi dell’Unione Europea, che dopo 16 ore di trattative non erano riusciti ad accordarsi su chi mettere a capo delle principali cariche istituzionali dell’Unione. Fuori dalle stanze, dove immaginiamo contrattazioni concitate, attendevano i giornalisti e i fotografi: per ore e ore, senza alcuna notizia o conferenza stampa in vista con gli annunci delle nomine. Non c’era niente da fare se non aspettare, ma allo stesso tempo non si poteva andare via: qualcosa poteva succedere da un momento all’altro. Qualcuno di loro, forse per combattere la noia, si è aggirato tra i banchi fotografando i colleghi stremati e addormentati, chi sui banchi e chi sullo zaino; altri, più previdenti o meglio informati, si erano portati dietro mascherina o poggia-collo per rilassarsi meglio. Nel frattempo questo pomeriggio i leader europei ci stanno riprovando di nuovo: qui trovate i nomi dei favoriti del momento.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.