Il Garante per la protezione dei dati personali ha multato Facebook di 1 milione di euro per violazioni legate al caso “Cambridge Analytica”

Il Garante per la protezione dei dati personali ha multato Facebook di 1 milione di euro per violazioni legate al caso “Cambridge Analytica”, che dimostrò l’uso scorretto di un’enorme quantità di dati prelevati da Facebook, da parte di un’azienda di consulenza e per il marketing online che si chiama Cambridge Analytica. Il Garante aveva già accertato che 57 italiani avevano scaricato l’app Thisisyourdigitallife, che prometteva di produrre profili psicologici basandosi sulle attività online svolte e che venne usata per rubare dati a migliaia di persone che non l’avevano scaricata grazie a un meccanismo legato all’uso di Facebook. Secondo il Garante, in Italia, i gestori di Thisisyourdigitallife riuscirono ad ottenere i dati di 214.077 utenti e per questo, nonostante avesse già dato una prima multa a Facebook, ha deciso di darne un’altra.

(Sean Gallup/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.