• Italia
  • martedì 25 giugno 2019

La Corte europea dei diritti umani ha confermato la condanna all’Italia per il caso Amanda Knox

La Corte europea dei diritti umani ha confermato la condanna all’Italia per il caso Amanda Knox, la donna statunitense accusata di aver ucciso la studentessa britannica Meredith Kercher a Perugia, nella notte tra l’1 e il 2 novembre 2007, poi assolta da ogni accusa. La conferma della condanna, che quindi ora è definitiva, è avvenuta dopo che la Corte aveva rifiutato una richiesta dell’Italia di pronunciarsi di nuovo sulla questione. La condanna confermata oggi è quella del gennaio 2019, decisa per l’assenza di legali, di interpreti e di un trattamento dignitoso durante un interrogatorio che la polizia fece a Knox il 6 novembre 2007, dopo l’omicidio di Kercher. La Corte ha quindi confermato che l’Italia dovrà pagare a Knox un indennizzo di circa 10mila euro, oltre a circa 8mila euro di spese legali. Il processo a Knox si concluse nel 2015 con l’assoluzione in Cassazione per Knox e Raffaele Sollecito, l’altra persona accusata dell’omicidio. Pochi giorni fa Knox era tornata in Italia, ospite del Festival per la giustizia penale di Modena.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.