• Mondo
  • giovedì 20 giugno 2019

Il Regno Unito ha posticipato per la seconda volta l’entrata in vigore di un sistema per vietare ai minorenni l’accesso ai siti porno

Il Regno Unito ha posticipato per la seconda volta l’entrata in vigore di un sistema di controllo per evitare che i minorenni visitino siti porno. Il sistema di controllo sarebbe dovuto partire nell’aprile 2018, era poi stato spostato al 15 luglio di quest’anno e ora è stato di nuovo rinviato e difficilmente entrerà in vigore entro il 2019. Il nuovo rinvio è arrivato perché il governo britannico non ha fornito all’Unione Europea adeguate informazioni sul piano. Lo ha comunicato al parlamento Jeremy Wright, ministro alla Cultura, al digitale, ai media e allo sport, che si è scusato e ha parlato di un errore nella formulazione della proposta. Una volta in vigore il sistema prevederà che ogni sito pornografico debba chiedere l’età a ogni visitatore e che i siti possano essere puniti e oscurati se non dovessero farlo. Al momento non è però stato spiegato nel dettaglio come potrebbero essere fatte le necessarie verifiche.

(Ethan Miller/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.