Cosa pensa Di Battista della Lega

«Non è un partito pericoloso, fascista o squadrista», ha scritto, ma è «allineatissimo al sistema, esattamente come il PD»

Alessandro Di Battista

Alessandro Di Battista, ex parlamentare e dirigente del Movimento 5 Stelle, ha pubblicato su Facebook un lungo post in cui chiede di fatto al suo partito di mantenere una promessa che fece nell’agosto del 2018, dopo il crollo del ponte Morandi a Genova: nazionalizzare le autostrade. Nel notare che quella promessa oggi è lontanissima dall’essere realizzata, Di Battista esprime giudizi particolarmente duri nei confronti della Lega, partito alleato del Movimento 5 Stelle senza il quale il governo di Giuseppe Conte non avrebbe la fiducia del Parlamento. Di Battista, che non è in Parlamento e non fa parte del governo, viene spesso descritto dai giornali come un potenziale futuro leader del Movimento 5 Stelle.

La Lega non è un partito pericoloso, fascista o squadrista. È, e lo dico con dispiacere, un partito conformista, allineatissimo al sistema, esattamente come il PD e, infatti, come il PD (DS + Margherita), la Lega, nel 2006, si è fatta finanziare la campagna elettorale proprio dai Benetton.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.