• Mondo
  • mercoledì 19 giugno 2019

Secondo l’ONU ci sono «prove credibili» che Mohammed bin Salman c’entri con l’omicidio di Jamal Khashoggi

Un esteso rapporto conferma quanto ipotizzato nei mesi scorsi da giornalisti ed esperti di Arabia Saudita

La relatrice speciale per le esecuzioni extragiudiziali dell’ONU, Agnes Callamard, ha annunciato l’esito delle indagini sulla morte del giornalista e dissidente saudita Jamal Khashoggi, ucciso nel consolato saudita a Istanbul lo scorso 2 ottobre. In un rapporto di più di 100 pagine redatto dopo un’indagine durata sei mesi – non ancora disponibile pubblicamente ma diffuso a diversi quotidiani – Callamard sostiene che ci siano «prove credibili» che giustificano un’inchiesta supplementare sulle responsabilità individuali di alti funzionari sauditi, e anche del principe ereditario saudita Mohammed bin Salman.

Da tempo diversi giornalisti ed esperti di Arabia Saudita sono convinti che Khashoggi sia stato ucciso per ordine del regime saudita, che da alcuni anni fa capo a Mohammed bin Salman.

Callamard ha detto di aver avuto accesso a registrazioni dell’omicidio nel corso delle indagini, ma di aver avuto anche diverse limitazioni. Nel rapporto dice, per esempio, di non aver ricevuto risposta alla sua richiesta di visitare l’Arabia Saudita, e di aver ricevuto solo 45 minuti di registrazioni effettuate all’interno del consolato di Istanbul il 2 ottobre, mentre l’intelligence turca aveva detto di averne a disposizione circa 7 ore. Il rapporto cita anche dettagli molto cruenti di quello che è avvenuto nel consolato, tra cui il rumore di una sega elettrica, presumibilmente utilizzata per smembrare il corpo di Khashoggi.

 

(AP Photo/Hasan Jamali)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.