• Mondo
  • martedì 18 giugno 2019

Nel Sichuan, in Cina, sono morte almeno 12 persone per un terremoto

È avvenuto lunedì, con una magnitudo di 5.8: migliaia di persone sono state evacuate, un hotel vicino all'epicentro è crollato

Lunedì c’è stato un terremoto di magnitudo 5.8 nel sudovest della Cina: almeno 12 persone sono morte e 134 sono ferite. Il terremoto è avvenuto vicino a Yibin, nella provincia del Sichuan, e la scossa principale è stata seguita da una serie di altre scosse, tra cui una di magnitudo 5.1. Più di 4mila persone sono state evacuate per via dei danni alle case e varie superstrade e un’autostrada che collega Yibin e la provincia di Xuyong sono state danneggiate. Un hotel vicino all’epicentro è crollato durante la notte, ma per ora non si sa se qualcuno sia morto nel crollo. Più di 500 vigili del fuoco stanno lavorando per soccorrere le persone rimaste bloccate o senza casa per via del terremoto.

Il Sichuan è una regione regolarmente colpita dai terremoti: il più grave della storia recente fu quello di magnitudo 7.9 del 2008, a causa del quale morirono 87mila persone. Gli ultimi terremoti erano stati nella provincia di Rongxian, lo scorso febbraio: due persone erano morte e 12 erano state ferite.

Un edificio crollato a Shuanghe, nel Sichuan, il 18 giugno 2019 (Zeng Lang/Xinhua via AP)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.