• Mondo
  • domenica 16 giugno 2019

In alcune città spagnole il Partito Popolare si è alleato con Vox, partito di estrema destra

Il Partito Popolare spagnolo, il più importante partito spagnolo di centrodestra, si è alleato con Ciudadanos, partito di centrodestra liberale, e con il partito di estrema destra Vox per arrivare al governo in alcune città, dove si era votato il 26 maggio per eleggere i sindaci e le autorità locali. La coalizione è presente soprattutto in Andalusia, nel Sud del paese, e ora governa anche Madrid, dove sabato il nuovo sindaco, José Luis Martínez-Almeida del PP, ha giurato prendendo il posto di Manuela Carmena, ex giudice di sinistra. È stato possibile grazie all’appoggio di Vox, una decisione contestata da molti all’interno del PP.

Considerando i risultati delle 80 città più importanti della Spagna – capoluoghi di provincia o comuni con più di 100 mila abitanti – il Partito socialista spagnolo (PSOE) è passato da controllarne 32 a 42, il PP ha perso 11 comuni e ne ha guadagnati 4, che sono però grandi città come Madrid o Saragozza.

Santiago Abascal, leader di Vox (AP Photo/Andrea Comas)
TAG: , ,

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.