• Mondo
  • sabato 15 giugno 2019

Migliaia di venezuelani sono arrivati in Perù prima dell’entrata in vigore di una legge restrittiva sull’immigrazione

Negli ultimi giorni migliaia di venezuelani sono arrivati in Perù, prima dell’entrata in vigore – prevista per oggi, sabato 15 giugno – di nuove e più restrittive leggi sull’immigrazione. Finora i venezuelani dovevano avere con sé soltanto la carta d’identità, per oltrepassare il confine; d’ora in poi dovranno avere anche un passaporto e un visto.

Giovedì il presidente del Perù, Martin Vizcarra, aveva detto che «il nostro Paese ha aperto le porte a più di 800 mila venezuelani. Penso che sia perfettamente logico e sensato chiedere loro di portare un visto per garantire maggiori controlli a chi entra». In quella giornata, secondo le autorità, erano entrati nel paese, passando dall’Ecuador, seimila venezuelani, il triplo della media giornaliera.

La crisi economica iniziata in Venezuela nel 2015 ha portato all’aumento della disoccupazione, alla scarsità di cibo e medicine e all’instabilità politica; da allora, secondo le Nazioni Unite, almeno 4 milioni di persone hanno lasciato il Paese. La Colombia ne ha accolti più di tutti, 1,3 milioni, seguita dal Perù con 768 mila.

Venezuelani aspettano di attraversare il confine a Rumichaca, in Ecuador, per poi continuare verso il Perù, 12 giugno 2019 (AP Photo/Dolores Ochoa)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.