• Italia
  • giovedì 13 giugno 2019

Matteo Salvini ha chiesto alla Sea Watch 3 di riportare in Libia i 52 migranti soccorsi ieri

Il ministro dell’Interno Matteo Salvini ha detto di aver chiesto alla nave Sea Watch 3, che ieri aveva soccorso 52 migranti in mare, di riportare tutte le persone a bordo in Libia. «Se la nave illegale Ong disubbidirà, mettendo a rischio la vita degli immigrati, ne risponderà pienamente», ha scritto Salvini su Twitter includendo due bugie (l’attività della Sea Watch 3 non è “illegale”, e i migranti a bordo della nave non sono in pericolo di vita).

Nel primo pomeriggio la ong Sea Watch, che controlla la nave Sea Watch 3, ha fatto sapere in un comunicato che non obbedirà a Salvini: «Tripoli non è un porto sicuro. Riportare coattivamente le persone soccorse in un Paese in guerra, farle imprigionare e torturare, è un crimine», si legge nel comunicato. Al momento sembra che la nave abbia deciso di fare rotta verso Lampedusa.

La comunità internazionale non considera la Libia un posto sicuro per migranti e richiedenti asilo: il paese è in guerra civile da diversi anni, non ha mai firmato la Convenzione di Ginevra del 1951 sulla protezione dei diritti dei rifugiati, e diverse inchieste giornalistiche e di organizzazioni umanitarie hanno rivelato che i migranti che cercano di arrivare in Europa vengono imprigionati in centri di detenzione dove i loro diritti umani vengono violati sistematicamente.

 

(ANSA / ETTORE FERRARI)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.