• Mondo
  • martedì 11 giugno 2019

È stato arrestato un giornalista in Russia, e poi sono successe cose inaspettate

Sono iniziate vere proteste, di persone famose e non, e di storici giornali russi: oggi il governo ha ordinato di ritirare le accuse

Ivan Golunov (AP Photo/Dmitry Serebryakov)

Giovedì scorso le forze di sicurezza russe hanno arrestato a Mosca Ivan Golunov, giornalista investigativo molto rispettato del giornale online Meduza, uno dei pochi media indipendenti e critici verso il regime del presidente Vladimir Putin. Golunov è stato arrestato per possesso illegale di grandi quantità di droga, accusa però che è sembrata fin da subito stare poco in piedi. Secondo molti suoi colleghi, infatti, Golunov sarebbe stato preso di mira dalle forze di sicurezza russe per le sue inchieste sulla corruzione nell’amministrazione comunale di Mosca. Dopo il suo arresto, comunque, in Russia sono successe diverse cose inaspettate, quasi senza precedenti; l’ultima novità è di martedì pomeriggio, con la decisione del ministero dell’Interno russo di ritirare le accuse e chiudere il caso.

Anzitutto sono iniziate diverse proteste per chiedere la liberazione di Golunov, che si sono rapidamente estese al di là della ristretta cerchia di dissidenti e giornalisti critici verso il regime. Decine di persone si sono riunite fuori dalla principale stazione di polizia nel centro di Mosca ed è stata convocata una marcia nella capitale per mercoledì 12 giugno, quando si celebra la Giornata della Russia, festa nazionale.

Alle proteste si sono uniti anche diversi personaggi famosi – attori, registi, rapper, comici, scrittori e altri giornalisti – che hanno diffuso online un video per chiedere la liberazione di Golunov. L’iniziativa è stata appoggiata anche dall’attrice Chulpan Khamatova, che in passato aveva sostenuto Putin come candidato alla presidenza del paese: «Voglio vivere in un paese dove non c’è la paura; non voglio avere paura», ha detto Khamatova.

Venerdì, il giorno dopo l’arresto, la polizia ha detto che nella casa di Golunov erano state trovate grandi quantità di droga: ha diffuso alcune foto che mostravano la droga, sostenendo che fossero state scattate nell’appartamento del giornalista a Mosca. Diversi altri giornalisti hanno però notato che solo una delle nove fotografie mostrate era stata scattata in casa di Golunov, e hanno sottolineato che i servizi segreti russi hanno da sempre l’abitudine di incriminare giornalisti e attivisti critici verso il regime con accuse relative al possesso e al traffico di droga. Le critiche sono diventate ancora più dure quando i medici che avevano assistito Golunov dopo l’arresto hanno parlato in tribunale di una possibile rottura di alcune costole e altre ferite compatibili con un pestaggio compiuto dalla polizia.

Le proteste, comunque, non sono state le uniche cose inaspettate successe dopo l’arresto di Golunov in Russia, paese dove la libertà di espressione è molto limitata e le critiche verso il regime di Putin sono rare.

Sabato il giudice incaricato di decidere le misure cautelari per Golunov ha ordinato due mesi di arresti domiciliari, contrariamente a quanto aveva chiesto la procura, che aveva suggerito il carcere: come ha scritto il New York Times, è molto raro che un qualsiasi giudice russo vada contro a un’indicazione della procura, soprattutto in casi che riguardano il possesso o il traffico di grandi quantità di droga.

Molti dubbi sono stati sollevati anche dai mezzi di comunicazione, che in Russia sono controllati quasi interamente dal regime. Domenica sera Dmitri Kiselyov, conduttore di Vesti Nedelu, principale notiziario settimanale della televisione di stato russa, ha detto che alcune decisioni della polizia erano state «goffe» e che forse la polizia aveva picchiato Golunov. Un giornalista di NTV, altro canale televisivo controllato dal regime, ha detto che se fosse stata confermata l’ipotesi della manipolazione di prove contro Golunov, i responsabili avrebbero dovuto essere puniti. Lunedì, per la prima volta nella loro storia, tre importanti giornali economici russi hanno pubblicato la stessa prima pagina, titolando: «Sono/siamo Ivan Golunov». I giornali – Vedemosti, Kommersant e RBC – hanno pubblicato anche un comunicato per dire che l’arresto di Golunov era legato alla sua attività di giornalista e in cui si chiedeva maggiore trasparenza nelle indagini della polizia.

Negli ultimi due giorni anche la posizione del regime è cambiata. Domenica Dmitry Peskov, portavoce del Cremlino, ha detto che non si poteva escludere la possibilità che la polizia avesse commesso degli errori nel caso Golunov. Lo stesso giorno gli analisti del ministero dell’Interno russo hanno detto di non avere trovato tracce di droga né sui palmi né sulle unghie di Golunov. Martedì il giornale russo Interfax ha scritto che il ministro dell’Interno russo, Vladimir Kolokoltsev, ha ordinato di ritirare le accuse contro Golunov e ha annunciato che il regime degli arresti domiciliari sarebbe finito il giorno stesso.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di più, e migliori.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la newsletter, una quota minore di inserzioni pubblicitarie, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.