Edward Burtynsky Phosphor Tailings Pond #4, Near Lakeland, Florida, USA 2012 photo © Edward Burtynsky, courtesy Admira Photography, Milan / Nicholas Metivier Gallery, Toronto
  • Cultura
  • Questo articolo ha più di tre anni

Foto dalla nostra era geologica

Cioè l'Antropocene, in mostra al MAST di Bologna, per documentare le trasformazioni terrestri dovute all’attività umana

Edward Burtynsky
Coal Mine #1, North Rhine, Westphalia, Germany 2015
photo © Edward Burtynsky, courtesy Admira Photography, Milan / Nicholas Metivier Gallery, Toronto

In questi giorni e fino al 5 gennaio alla fondazione MAST di Bologna è possibile visitare una mostra sulla nostra attuale era geologica, quella caratterizzata dalle trasformazioni terrestri dovute all’attività umana, e che sempre più scienziati identificano come Antropocene.

In mostra ci saranno 35 immagini in grande formato del fotografo Edward Burtynsky, insieme ai filmati di Jennifer Baichwal e Nicholas de Pencier e a esperienze di realtà aumentata: i tre hanno collaborato per quattro anni per documentare con foto, ricerca scientifica e videoinstallazioni l’influenza dell’uomo sui processi naturali.

L’impatto dell’uomo sulla Terra è mostrato dagli artisti tramite esempi come le miniere di potassio nei monti Urali in Russia, i problemi della Grande barriera corallina australiana, le cave di marmo di Carrara e la discarica di Dandora, in Kenya, una delle più grandi al mondo: «dalle barriere frangiflutti edificate sulle coste cinesi alle surreali vasche di evaporazione per il litio nel deserto di Atacama”. I temi sono quelli al centro del dibattito intorno al cambiamento climatico: l’estrazione mineraria, l’eccesso di CO2, il problema della plastica, gli effetti della costruzione di dighe e delle deviazione dei corsi d’acqua, l’acidificazione degli oceani o la deforestazione, per dirne alcuni.

Negli anni Ottanta la scienza iniziò a teorizzare l’Antropocene come definizione dell’era geologica attuale, cominciata quando le attività dell’uomo iniziarono a modificare la geologia e l’ecosistema terrestre, anche oltre il riscaldamento globale. Biologi, chimici e geologi hanno continuato per decenni a interrogarsi sulle caratteristiche distintive di quest’era, la cui definizione è stata presentata all’Unione internazionale di scienze geologiche perché venga formalmente adottata nella scala dei tempi geologici come successiva all’Olocene, che si fa iniziare dopo l’ultima glaciazione oltre 10.000 anni fa.