• Italia
  • lunedì 10 giugno 2019

Massimo Gandolfini, organizzatore del Family Day, è stato condannato per aver diffamato l’Arcigay

Il Tribunale di Verona ha condannato Massimo Gandolfini, portavoce del Comitato “Difendiamo i nostri figli” e organizzatore del Family Day, per aver diffamato l’Arcigay. Gandolfini è stato condannato a quattro mesi di reclusione, convertiti in una sanzione pecuniaria di 30mila euro, a una provvisionale di 7mila euro per l’associazione e 3mila euro per l’allora presidente, Flavio Romani, al pagamento delle spese processuali e al risarcimento del danno. I fatti contestati a Gandolfini risalgono al 2015, quando in un intervento pubblico sostenne che tra le 58 identità di genere approvate da Arcigay ci fosse anche la pedofilia.

«Ancora una volta – ha dichiarato Gabriele Piazzoni, segretario generale Arcigay –  un esponente del mondo ultraconservatore viene condannato per la sua condotta nei confronti delle persone e delle associazioni Lgbti». Pochi mesi fa il senatore della Lega Simone Pillon, promotore di un disegno di legge molto contestato in materia di diritto di famiglia, era stato infatti condannato per aver diffamato un’associazione LGBTQI di Perugia.

(Valeria Ferraro/SOPA Images via ZUMA Wire)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.