• Italia
  • martedì 4 giugno 2019

Ad aprile il tasso di disoccupazione in Italia è stato del 10,2 per cento: stabile rispetto a marzo e in calo rispetto ad aprile 2018

Stamattina l’ISTAT ha pubblicato i nuovi dati sul lavoro che si riferiscono al mese di aprile. Le nuove rilevazioni hanno registrato un tasso di disoccupazione del 10,2 per cento, stabile rispetto a quello di marzo, e in calo dello 0,7 per cento rispetto a quello di aprile 2018. Anche l’occupazione è stabile, al 58,8 per cento; 0,3 punti percentuali in più rispetto ad aprile 2018. C’è una diminuzione di lavoratori autonomi, che però è stata compensata dall’aumento di dipendenti, soprattutto a termine. C’è anche un dato europeo positivo: secondo i dati EUROSTAT il tasso di disoccupazione nei paesi dell’Eurozona non era così basso da 10 anni.

Il tasso di disoccupazione fra i 15 e 24 anni tuttavia è risalito, dal 30,2 per cento di marzo, che era stato il dato più basso dall’ottobre 2011, al 31,4 per cento. L’occupazione femminile invece è cresciuta dello 0,1 per cento da marzo.

I dati trimestrali, cioè quelli che fanno riferimento al periodo tra febbraio e aprile, sono buoni: l’occupazione è cresciuta rispetto ai tre mesi precedenti, sia nel complesso sia per genere. Nello stesso periodo sono diminuiti i dipendenti a termine e sono aumentati sia i dipendenti a tempo indeterminato sia i lavoratori autonomi. L’unica classe di età per cui i dati non sono positivi è quella dei 35-49enni.

(Andrea Raso/LaPresse)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.