• Mondo
  • venerdì 31 maggio 2019

È stato arrestato il capitano di una delle due barche coinvolte nello scontro di mercoledì sera nel Danubio, a Budapest

È stato arrestato il capitano della barca che mercoledì sera si era scontrata con un’altra provocandone l’affondamento nel Danubio a Budapest, in Ungheria: nell’incidente 7 persone sono morte, 7 sono state ferite e 21 risultano ancora disperse. L’uomo è un 64enne di nazionalità ucraina ed era al comando della nave Viking Sigyn, che aveva urtato il battello per tour turistici Hableany, che poi era affondato. L’uomo è stato accusato dalla polizia ungherese di omicidio colposo plurimo causato da guida pericolosa. A bordo della Hableany, che significa “Sirena”, c’erano 30 turisti dalla Corea del Sud, due guide, un fotografo e due membri dell’equipaggio della barca, mentre nessuno dei passeggeri a bordo della Viking Sigyn è stato ferito.

(Noemi Bruzak/MTI via AP)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.